Perché è così difficile fare Extreme Programming

Comments

Comments are closed.

Rated 4

Anonymous at 10:42 on 15 Nov 2014

Ottimo argomento e slide efficace.

bello, forse un po' troppo polemico. Non ha reso giustizia alle metodologie non xp

Ottimo recap della situazione, fonte di collegamento per molti dei talk successivi.

Bravo Matteo, giusto partire dall'xp per iniziare a parlare di agile.

Rated 5

Anonymous at 18:21 on 15 Nov 2014

Non è stato il mio caso ma qualcuno mi ha detto che il messaggio che è arrivato è che Kanban è un sottoinsieme delle regole di Scrum che a sua volta è un sottoinsieme di quelle di XP. Mentre il messaggio credo volesse essere un altro. Personalmente l'ho ritenuto valido, anche se forse di parte (xp)?

Rated 5

Matteo Magni at 18:52 on 15 Nov 2014

utile per riflettere su dove si vuole andare e dove si sta andando

A molti il talk può essere sembrato di parte verso XP e riduttivo verso Scrum/Kanban, se non una polemica vera e propria nei confronti delle metodologie agili.

In realtà il vero filo conduttore tra le problematiche nelle tre metodologie esaminate era quello della disciplina/integrità (illustrato come "uscire dalla zona di comfort"): forse lo spartiacque più importante tra team performanti e non.

Ho infine apprezzato la conclusione: con una frase ha sintetizzato bene un'intera filosofia che può essere presa come spunto pratico.

Chiaro e condivisibile. E' vero: scrivere software bene è complesso e faticoso.

Ottimo talk, mi ha dato vari spunti di riflessione e approfondimento.

Rated 4

Anonymous at 09:53 on 16 Nov 2014

In generale un bel talk, con buon mix di osservazioni e provocazioni su cui riflettere.
Mi sarebbe piaciuto riuscire a chiedere a Matteo come far coesistere alcuni dei punti emersi nel talk, come:
- I team non hanno bisogno di una leadership tecnica
- I membri del team devono essere liberi di seguire le proprie idee
- I membri del team devono remare tutti nella stessa direzione

A.

Rated 5

Anonymous at 15:48 on 16 Nov 2014

Ottimo talk di una persona intelligente che ammette anche di essersi sbagliata, come su Rails.
Um grande impulso al miglioramento di noi tutti.

Keynote spettacolare. Mi è piaciuto molto il collegamento tra l'uscire della comfort zone e l'applicazione dell'agile.

Molto diretto ed efficace

Provocatorio e stimolante!

In risposta all'anonimo che mi attribuisce questo messaggio:

"- I team non hanno bisogno di una leadership tecnica
- I membri del team devono essere liberi di seguire le proprie idee
- I membri del team devono remare tutti nella stessa direzione"

Attento! Queste cose non sono vere in generale! Quello che volevo far capire e' piu' questo:

"In un team che funziona bene, il ruolo di tech leader non serve, anzi spesso e' dannoso. Questo NON SIGNIFICA che non ci sia leadership tecnica! Anzi deve esserci, ma non e' responsabilita' di un singolo individuo. Diventa responsabilita' di tutti."
"In un team che funziona bene, devo accettare che le cose possano essere fatte in maniera un po' diversa da come le avrei fatte io, PURCHE' LA QUALITA' SIA BUONA"

E' chiara la differenza?


Il discorso sulla leadership e' molto interessante e c'e' un mondo di studio e ragionamenti per chi lo vuole approfondire. Se vuoi rivolgermi domande, perche' non le posti sulla mailing list extremeprogramming-it?

https://it.groups.yahoo.com/neo/groups/extremeprogramming-it/info

Ti rispondero' volentieri e vedrai che coinvolgerai nella discussione tanti altri che la sanno piu' lunga di me.

Rated 4

Anonymous at 19:48 on 16 Nov 2014

Ottima presentazione.
Forse sarebbe utile però aggiungere qualche testimonianza/esempio reale di chi alla fine ci è riuscito e di chi invece no.

Rated 4

Anonymous at 19:55 on 16 Nov 2014

Ottima presentazione.
Forse sarebbe utile però aggiungere qualche testimonianza/esempio reale di chi alla fine ci è riuscito e di chi invece no.

Indubbiamente ci si aspetta che il keynote di apertura sia grandioso: e così è stato. Bravissimo Matteo (e non poteva essere altrimenti)

Rated 5

Anonymous at 20:05 on 16 Nov 2014

Ringrazio l'intervento chiarificatore di Matteo, che ha messo in evidenza proprio i punti che mi aspettavo sarebbero emersi, e di cui sono personalmente convinto.
La mia domanda/provocazione era legata ad'una interpretazione emersa nelle chiacchiere post keynote, e che speravo Matteo avrebbe aiutato a chiarire, come ha puntualmente fatto.

A.

Rated 3

Anonymous at 22:40 on 16 Nov 2014

Mah, insomma... Non mi ha emozionato troppo. Chi conosceva già gli argomenti non ha ricevuto messaggi così nuovi, e chi era a digiuno di agile ha ricevuto una infarinata troppo diluita su troppi temi. Alla fine dello speech mi è rimasto il dubbio: quale voleva essere il succo messaggio?

Molto bello, chiaro e stimolante.

Rated 4

Anonymous at 10:16 on 17 Nov 2014

Niente di particolarmente stimolante.

Un buon keynote.

Keynote assolutamente centrato e che descrive bene, secondo me, la realtà.

Rated 5

Anonymous at 12:06 on 17 Nov 2014

Mi è piaciuto proprio il fatto ricordare\non dimenticare XP

Talk chiaro e autorevole.
Personalmente ho apprezzato molto l'invito alla riflessione a tutto tondo, penso che un key note debba prima di tutto far riflettere.
Mi sarebbe piaciuto avere anche qualche insight o qualche dato per evidenziare la traiettoria che ha XP o altre pratiche agili, qualcosa per dire "e' difficile ma keep calm and stay Agile"

Rated 2

Anonymous at 17:45 on 17 Nov 2014

Sono stato un po' deluso da questo key note.
Nonostante il titolo fosse promettente, ciò che ne è uscito è molta teoria e belle intenzioni, ma lontane dalla pratica e, a volte, anche dal realismo.
Ho avuto l'impressione di essere ad una di quelle lezioni in cui si parla di condensatori "con piatti paralleli ed infiniti". Che va bene come modello per capire i principi, ma poi non si applica nella realtà. Che sia questo uno dei problemi di quel 1% di adozione? Che approcciare con frasi come "il resto non funziona, le metodologie Agili sì" sia esattamente ciò che NON si deve dire ad una conferenza di questo tipo? Che l'approccio migliore sia dire: "ok, vediamo come convincere gente che ha fatto business (con successo) per anni con altre metodologie che questo metodo è più efficace"?
Davvero vogliamo ancora parlare di "alveare" (i.e. di team omogenei) quando nella stragrande maggioranza dei casi i team sono estremamente eterogenei? Non conviene suggerire, ad esempio, come inserire con efficacia un neolaureato in un team di persone ben più esperte?

In altri talk ho sentito diverse volte la frase "nani sulle spalle dei giganti". Credo sia quello che è mancato in questo key note. Peccato.

Andrea

Andrea, grazie del feedback.

Con l'alveare non volevo suggerire che i team siano o debbano essere omogenei (d'altronde neanche le api fanno tutte lo stesso mestiere). Volevo suggerire che in un alveare le api costruiscono un sistema complesso senza bisogno di un coordinamento centrale. In un team XP i novizi si inseriscono bene, ma non e' questo il problema piu' grosso che io vedo e di cui io volevo parlare.

Per il resto quello che ho raccontato e' in (gran) parte frutto di quello che ho imparato da altri, in parte frutto della mia esperienza. E' vero, ci sono organizzazioni che hanno successo anche senza usare metodi agili. In molti casi pero' si tratta di organizzazioni che vivono di semi-monopolio (vedi il famoso sito di Trenitalia).

Comunque, fino a che hai successo, non sono certo io a venirti a dire che devi cambiare. Io parlo per quelli che non riescono a portare a termine i progetti con successo, o a quelli che non riescono a fare sufficiente margine per tirare avanti, quelli che non sono piu' in grado di fare evolvere il loro codice legacy.

I metodi di cui racconto funzionano si' in pratica, e lo so dall'esperienza. Ma il punto del mio discorso e' che per farli funzionare in pratica bisogna fare fatica! Non si tratta di un proiettile d'argento che si possa facilmente adottare o comprare. Si' c'e' molta distanza fra teoria e pratica, e la maniera di migliorare, secondo me, e' di modificare la pratica per farla aderire il piu' possibile alla teoria.


Rated 5

Anonymous at 12:14 on 18 Nov 2014

Diretto e interessante!

Bel talk, argomenti esposti con efficacia.
A tratti provocatorio ma ci sta per essere un keynote, non e' una lezione.

Rated 5

Anonymous at 20:16 on 23 Nov 2014

Spettacolare presentazione! Complimenti! Mi hanno fatto molto piacere anche le parole del Rettore della facoltà di Economia prima dello speech... Molto lusinghiere!

Rated 5

Anonymous at 08:39 on 25 Nov 2014

Rated 4

Anonymous at 16:46 on 28 Nov 2014

Begli spunti, ben legati, bel ritmo. Bravo!